23 febbraio 2017

La realizzazione di una barriera acustica: l’insonorizzazione al Gritti Palace Hotel di Venezia

Il 31 gennaio 2013 è stato riaperto, completamente ristrutturato, il Gritti Palace
Hotel
, storico palazzo di Venezia. 2Zeta ha partecipato con orgoglio a questo lavoro,
progettando e valutando una barriera acustica per contenere il rumore prodotto
dai gruppi frigo posti in copertura.

0 0
0 0

La barriera acustica ha lo scopo di ridurre la propagazione del
rumore verso uno o più soggetti sensibili.

È stata progettata sfruttando tre fenomeni acustici

  • Assorbimento1: la barriera assorbe
    l’energia sonora incidente, piuttosto che rifletterla.
  • Potere fonoisolante2: la barriera attenua la propagazione diretta
    del suono attraverso di sé.
  • Diffrazione3, solitamente il fenomeno più rilevante dal punto
    di vista progettuale: le onde sonore devono scavalcare la barriera, allungando il proprio
    percorso

Abbiamo proposto il nostro pannello 2ZETA con RW 31 dB, realizzato (partendo dal ricettore alla
sorgente): con lamiera esterna in acciaio zincato verniciato, materassino assorbente in lana di
roccia, lamiera microstirata interna zincata a vista.

Altrettanto importante è stata la progettazione strutturale della barriera acustica,
che deve tener conto delle normative internazionali, delle sollecitazioni di tipo statico e di
tipo dinamico, e la sicurezza nella scelta dei materiali oltre che nella posa.

 

    

    

 


Note:

  1. Il fonoassorbimento è
    la capacità di un materiale di assorbire l’energia sonora.
  2. L’isolamento
    acustico
     è il ramo della
    tecnica che si occupa di limitare la diffusione del suono.
  3. In fisica la
    diffrazione è un fenomeno associato alla deviazione della traiettoria di
    propagazione delle onde (come anche la riflessione, la rifrazione, la diffusione o
    l’interferenza) quando queste incontrano un ostacolo sul loro cammino. È tipica di ogni
    genere di onda, come il suono, le onde sulla superficie dell’acqua o le onde
    elettromagnetiche come la luce o le onde radio; la diffrazione si verifica anche nelle
    particolari situazioni in cui la materia mostra proprietà ondulatorie, in accordo con la
    dualità onda-particella.

(Fonte:Wikipedia)

 

Contattaci per richiedere una consulenza o maggiori informazioni.

Utilizzando questo sito web si acconsente all'utilizzo di cookies in conformità alla nostra politica sui cookies   Ok