Contesto

Insonorizzazione di una nuova centrale di teleriscaldamento costruita ad Alessandria, gestita da Alessandria Calore srl.

La centrale alimentata a gas metano, prevede l’installazione di un gruppo di cogeneratore da 2,6 MW, di 4 caldaie a condensazione, scambiatori di calore, compressori, trasformatori, quadri elettrici, elettropompe collegate alla rete del teleriscaldamento.
La centrale sorge in via Gandolfi, in un’area confinante con la ferrovia su in lato e su due lati con edifici plurifamiliari di 4-5 piani.
Secondo il piano di classificazione acustica comunale, l’area di intervento è inclusa nelle fasce di pertinenza della vicina ferrovia (classe IV), mentre gli edifici più prossimi si trovano anch’essi parzialmente interni alle fasce di pertinenza ed all’esterno di esse, assegnati alle classi II e III.
Oltre al rispetto dei limiti di zona, deve essere verificato il criterio differenziale presso gli ambienti abitativi confinanti.
Per ottenere le necessarie autorizzazioni preventive alla costruzione dell’impianto è stata redatta la valutazione previsionale di impatto acustico in cui, considerando la situazione ante operam e le sorgenti previste, si definiscono le prescrizioni, punto per punto, in modo che la centrale a pieno regime rispetti i limiti acustici previsti dalle leggi vigenti.

Valori limite di immissione previsti per la classe II:

Classe di destinazione d'uso del territorio
(DPCM del 14/11/97 art..3)
Tempi di riferimento
Diurno
(6.00-22.00)
Notturno
(22.00-6.00)
CLASSE II
aree destinate ad uso prevalentemente residenziale
50dB
40dB

Valori limite di emissione previsti per la classe II:

Classe di destinazione d'uso del territorio
(DPCM del 14/11/97 art..3)
Tempi di riferimento
Diurno
(6.00-22.00)
Notturno
(22.00-6.00)
CLASSE II
aree destinate ad uso prevalentemente residenziale
55dB
45dB
Soluzione

I lavori eseguiti sono stati i più svariati ed hanno riguardato qualsiasi locale della centrale

Il lavoro ha riguardato ogni locale: dai silenziatori per le ventilazioni al rivestimento fonoassorbente delle pareti della sala motore, dalle pareti fonoisolanti alle griglie afoniche della centrale termica, dai portoni acustici ai tamponamenti rimovibili per le manutenzioni straordinarie; ciascun punto con il proprio target di prestazione acustica.

Approfondimento tecnico Approfondimento tecnico Approfondimento tecnico Approfondimento tecnico
Risultati

Si sono misurati meno di 50 dB(A) a 1 m in facciata, a partire da oltre 103 dB(A) interni alla sala motore.

-53dB

A seguito della messa in funzione della centrale abbiamo eseguito un collaudo fonometrico per la verifica dei risultati raggiunti puntualmente con esito positivo su tutti i fronti. In particolare una prestazione acustica particolarmente elevata era richiesta per le ventilazioni e parete esterna del locale di cogenerazione, vista la notevole rumorosità del motore da 2,6 MW e la vicinanza con il condominio adiacente. Si sono misurati meno di 50 dB(A) a 1 m in facciata, a partire da oltre 103 dB(A) interni alla sala motore. Un risultato di rilievo raggiunto grazie ad un silenziatore in aspirazione a doppio stadio posto in una condotta fonoassorbente che garantisce una portata di 140.000 mc/h grazie a 3 ventilatori da 15 kW ciascuno e ad un tamponamento esterno rimovibile costituito da due pareti indipendenti a formare un’intercapedine di 600 mm, con l’accesso alla sala assicurato da porte dotate di antipanico.

Utilizzando questo sito web si acconsente all'utilizzo di cookies in conformità alla nostra politica sui cookies   Ok